Curiosità
Vedi altre Curiosità

La colomba e la sua storia

Creata da La Redazione il
La colomba e la sua storia

Sebbene la colomba sia diventata il simbolo della Pasqua ormai in tutta Italia, le sue origini sono controverse ed esistono molte leggende diverse legate a questo dolce pasquale.

Una delle più diffuse racconta che l’usanza di consumare la colomba di pane dolce sia nata per celebrare il ricordo di San Colombano che, al suo arrivo alla corte longobarda, trasformò ricchi arrosti in delicate colombe di pane, mostrando così la sua santità e ricevendo in dono il territorio di Bobbio dove nacque l’Abbazia di San Colombano.

Esiste anche un’altra ipotesi riguardante la nascita della colomba legata alla storia longobarda. Si narra che Re Alboino, dopo un lungo assedio, riuscì a occupare Pavia proprio alla vigilia di Pasqua del 572. Prima che radesse al suolo la città, la popolazione gli offrì dei doni in segno di sottomissione, tra cui dei pani dolci (le colombe appunto) come segno di pace nel sacro giorno di Pasqua. Il sovrano le apprezzò a tal punto da risparmiare la città.

Altre versioni rivendicano la creazione del dolce pasquale in occasione della battaglia di Legnano del 1176, quando tre colombe si posarono sopra le insegne lombarde, portando fortuna all’esercito che sconfisse le truppe di Federico Barbarossa.

Al di là delle leggende fu Dino Villani, già famoso per i suoi panettoni, a creare la colomba negli anni trenta del Novecento, per sfruttare gli stessi macchinari e la stessa pasta del dolce natalizio.

Un intento sicuramente riuscito, visto che ora ritroviamo la colomba sulle tavole di tutto il Paese, così com’è o resa più golosa farcendola con Crema al Cioccolato PANEANGELI.



La tua valutazione
Vota ora
Media (Tot. voti:1)
54321

Vedi anche...

Per poter lasciare il tuo commento devi essere registrata! È facilissimo!
Entra nel mondo Dolcidee... con noi amerai i dolci ancora di più!


Commenti (3)

miluessa
miluessa il

Interessante

lindy53
lindy53 il

Molto interessante!

annun49
annun49 il

sempre interessanti questi articoli