Segreti in cucina
Vedi altri Segreti in cucina

5 trucchi per confetture fatte in casa con meno zucchero: per assaporare tutto il gusto della frutta!

Creata da La Redazione il
5 trucchi per confetture fatte in casa con meno zucchero: per assaporare tutto il gusto della frutta!

Fragole, mele, albicocche, prugne, pere: arriva la primavera e, insieme al rinverdire delle foglie sugli alberi e alle giornate che si allungano, torna anche tanta frutta di stagione, da gustare in molti modi! Uno di questi è di certo preparare ottime confetture con cui riempire o farcire le vostre preparazioni casalinghe e ottenere così dei dolci manicaretti 100% homemade. Che ne dite, vediamo insieme qualche idea per preparare una buonissima confettura con meno zucchero che esalti il naturale gusto della frutta?

Crostata con confettura di albicocche

Prima di iniziare: differenze tra marmellata e confettura

Alzi la mano chi non ha mai digitato “differenza marmellata e confettura” su un motore di ricerca! Sciogliamo una volta per tutte questo dubbio amletico: sebbene usati spesso come sinonimi, confettura e marmellata sono due preparazioni assai diverse. 
Infatti, mentre la marmellata è un prodotto a base di zucchero mescolato insieme a polpa, succo, purea, scorza ottenuti esclusivamente dagli agrumi (arancia, mandarino, limone, cedro, bergamotto e pompelmo), e la percentuale minima di frutta equivale al 20%, la confettura può essere preparata con qualsiasi tipo di frutta; l’importante è utilizzare la polpa mai in percentuale inferiore al 35% (nel caso di una “confettura extra” si arriva al 45% del totale). Se siete curiosi di scoprire di più su marmellate e confetture, potete consultare la nostra Guida alla marmellata fatta in casa in 6 punti!

4+1 “trucchetti” per usare meno zucchero nella confettura fatta in casa

Quindi, eccoci al punto in cui avete le idee più chiare e non vedete l’ora di sperimentare! Tutto però solo dopo aver trovato delle strategie per utilizzare meno zucchero per le vostre confetture!
Dovete sapere infatti che “low sugar” fa rima con “ricco di sapore”: usare meno zucchero nelle confetture vi permetterà infatti di assaporare ancora di più il gusto della frutta!
Dobbiamo ricordare che, assieme alla pectina – l’addensante presente nella frutta –, lo zucchero nella marmellata serve a rassodare: è infatti grazie alla riduzione dell'acqua e alla presenza di pectina e zucchero che la marmellata si addensa in cottura! Ma non c’è da preoccuparsi: esistono numerosi accorgimenti per sostituirlo o usarne di meno e risparmiare prezioso tempo durante la preparazione. Noi ve ne diamo ben cinque!

  1. Aggiungere le mele      
    Se avete in casa delle mele, non esitate ad usarle! La loro aggiunta, infatti, non solo dona dolcezza, ma aiuta la marmellata ad addensarsi grazie all'alta percentuale di pectina di cui il frutto è ricco: la miglior proporzione è aggiungere 1 mela ogni 0,5 kg della frutta scelta ed è molto importante anche non privarla della buccia, dove si concentra la maggior parte della pectina.​


     
  2. Scegliere un frutto “zuccherino” (o che contenga molta pectina!)  
    Non avete le idee chiare su quale frutta prediligere? Sappiate allora che ciliegie, fichi, uva e pere sono i candidati ideali per il loro alto contenuto di zucchero, mentre i ribes rossi, l'uva spina, le prugne, le arance, i limoni e ovviamente le mele, contengono quantità elevate di pectina. 

    Confettura di ciliegie fatta in casa
     
  3. Usare frutta matura al punto giusto e con la buccia     
    Nel momento della scelta della frutta al supermercato, un altro metodo è orientarsi verso l’acquisto della cosiddetta “frutta brutta”: scegliete la frutta imperfetta e molto matura, se è biologica anche meglio, perché così potrete usare la sua buccia e aumentare l'apporto di pectina. Quando si dice che la natura ci dà (quasi) tutto è proprio vero!

    Mele mature per la confettura
     
  4. ​Esplorare il mondo delle spezie    
    Aprendo le credenze o guardando tra i ripiani della cucina ci troviamo sempre davanti a loro: le spezie! Un bastoncino di cannella o un pizzico/baccello di vaniglia può proprio fare al caso nostro se cerchiamo il modo di ottenere una confettura che sia anche “gourmet”. Non c’è limite alla sperimentazione: scoprite come aromatizzare confetture e marmellata con spezie con l’aiuto di Fruttapec!

    Confettura di prugne e spezie

Un nuovo alleato per una confettura con meno zucchero? Fruttapec 4:1!

Avete notato che all’elenco mancava il quinto trucco, vero? Eccolo: è Fruttapec 4:1!


Fruttapec 4:1 è un alleato perfetto per realizzare facilmente e in pochissimo tempo le vostre confetture fatte in casa, con ancora meno zucchero
Realizzato con pectina, l’ormai noto gelificante naturale estratto da mele e agrumi, vi consentirà di ridurre a pochi minuti i tempi di cottura della vostra confettura, mantenendo inalterati il gusto e il colore della frutta!  Con Fruttapec 4:1, inoltre, potrete realizzare confetture con l’80% da frutta: per assaporarne il gusto ancora più intenso!
È indicato per albicocche, amarene, arance, ciliegie, fragole, frutti di bosco, mandarini, mele, pere, pesche, pompelmi e prugne e la sigla 4:1 indica proprio il dosaggio ottimale: per ogni busta di Fruttapec 4:1, dovrete aggiungere solamente 250 g di zucchero e 1 kg di frutta. Incredibile, vero? 


Una fantastica ricetta con Fruttapec 4:1! 

Se non resistete all’idea di provarlo e volete subito mettervi all’opera, ecco la ricetta che fa al caso vostro: le Mini frolle doppie al cacao con farcitura alla pera piaceranno proprio a tutti!    

Dove acquistare Fruttapec 4:1? Su Dolcidee Shop!

Il Fruttapec 4:1 e tutta la gamma Fruttapec è disponibile su Dolcidee Shop nella sezione dedicata alle creme, gelificanti e marmellate. Vi aspettiamo! 🛒

 



La tua valutazione
Vota ora
Media (Tot. voti:2)
54321

Vedi anche...

Per poter lasciare il tuo commento devi essere registrata! È facilissimo!
Entra nel mondo Dolcidee... con noi amerai i dolci ancora di più!


Commenti (3)

Ruzi
Ruzi il

interessante !

buonabitacolo
buonabitacolo il

Articolo con ottimi consigli!👍

pghionna
pghionna il

Articolo molto utile grazie